This is default featured slide 1 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 2 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 3 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 4 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

This is default featured slide 5 title

Go to Blogger edit html and find these sentences.Now replace these sentences with your own descriptions.

mercoledì 19 dicembre 2012

Come prenotarsi per il concerto del 24 Marzo

Siete pronti al grande concerto che vedrà il ritorno di Luminor dopo 3 anni di silenzio, insieme a me?
Volete prenotarvi in anticipo, in modo da assicurarvi un posto in prima fila?
Sì, perché chi prenoterà in anticipo verrà fatto entrare prima (per una questione di praticità)

Allora cliccate qui e seguite tutte le istruzioni!
Foreigner people, please click here for the english page


Se volete fare pubblicità all'evento e incuriosire la gente,  il codice qui sotto nei vostri siti/blog, o nei forum (con html abilitato):



Questo concerto vi è offerto da: STEEL MUSIC Promotion

giovedì 6 dicembre 2012

Studio Uno Radio Web intervista Roberto Romagnoli

Studio Uno
Mercoledì 12 Dicembre, alle ore 23:00 su Sudio Uno Radio Web verrò intervistato dal mitico Enzo.
Non mancate, e soprattutto, condividete l'evento su facebook con tutti i vostri amici!

Grazie mille a Luciana Greco per averlo creato!
https://www.facebook.com/events/329699513805014/

Studio Uno Radio Web:
http://studiouno.listen2myradio.com/






E, per chi volesse seguire anche le attività del mio E-Team, sempre guidato dalla mitica Luciana:
http://robertoromagnoli.forumfree.it/

sabato 24 novembre 2012

LUMINOR & ROBERTO & ELECTRO REVERSE live a Roma!


Una serata tutta europea!
Da Berlino: LUMINOR
da Roma: ROBERTO ROMAGNOLI
dalla Galassia999: ELECTRO << REVERSE

venerdì 16 novembre 2012

L'Amore che non posso avere





Licenza Creative Commons
L'Amore che non posso avere by Roberto Romagnoli is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.robertoromagnoli.net.

mercoledì 14 novembre 2012

My Story: Come tutto è iniziato.

Quando hai otto anni tutto sembra più bello.
Vai ancora alle elementari, la tua unica preoccupazione durante la giornata è finire i compiti prima dell'inizio dei cartoni animati, sei "innamorato" di una bambina bellissima, ma lo sai solo tu e la cosa ti eccita tantissimo manco stessi per sposarti, quando hai bisogno di qualcosa la chiedi e magicamente ti appare davanti (grazie a mamma e papà).
Lo stesso valeva per me. In tutto, tranne per quanto riguardava l'Amore.

Già da piccolo ero molto sensibile alle questioni riguardanti l'altro sesso.
Quando mi piaceva una bambina le scrivevo una letterina e mi aspettavo una risposta.
Mi affezionavo subito e ci rimanevo male se poi la bimba in questione mi diceva che non le piacevo.
Quando avevo otto anni ero innamorato di una bambina della mia età. Era una mia compagna di classe, si chiamava Beatrice. Mi piaceva tanto, le telefonavo tutti i giorni, a scuola stavo sempre accanto a lei...però sul finire della seconda elementare, nel 1989, i miei mi dissero che avremmo dovuto cambiare città. Da Roma passavamo a Pomezia.


Roma e Pomezia distano appena 15 km l'una dall'altra. Pomezia è sempre stata considerata una periferia di Roma, più che una città a parte, ma quando hai otto anni anche 20 metri sono una distanza incolmabile.
Arrivato a Pomezia, mi comprai un diario segreto.
Il cambiamento per me significava davvero tanto. Nuovi amici, nuove amiche, nuovi luoghi, passare dalla metropoli alla tranquilla cittadina di provincia (a Roma abitavo in una traversa di viale Marconi, e Pomezia nel 1989 era ancora tutta un cantiere ed era praticamente vuota....quindi per me era tutto un altro mondo), ma soprattutto, non c'era più lei.

Quando ricominciò la scuola arrivarono altri "amori", e con loro riempivo le pagine dei miei diari segreti.
Iniziai a scrivere anche piccole poesie. Roba da poco, pensieri di un bambino che sperimentava emozioni e sensazioni tutte nuove e cercava di trovare una spiegazione...a rileggerle adesso mi fanno tenerezza.

Poi, un bel giorno...anzi, un bellissimo giorno (era il mio compleanno) ecco che i miei genitori si presentano con una pianola della Bontempi.
Una tastiera elettronica per bambini con 10 ritmi e 10 suoni diversi, corredata di manuali e musicassette per imparare a suonare. Il mio primo strumento musicale.

La mia prima tastiera Bontempi (foto presa da
internet, ma era proprio così)
Successivamente, appena imparato a suonicchiare qualcosa, cominciai a chiedermi se quello che stavo facendo aveva un senso. Non che mi importasse molto, ma volevo almeno capire se serviva a qualcosa.

E cominciai a farmi sentire da chi avevo intorno, ricevendo tanti complimenti e incoraggiamenti.
Dopo qualche anno, quando ormai ero adolescente, mi venne in mente di iniziare ad abbinare le frasi che scrivevo da anni nei miei quaderni con la musica. E trovare un senso così anche a tutte quelle parole.


Ed ecco arrivare anche le prime canzoni. Cose molto semplici, scritte sulla base di quel poco che avevo imparato da autodidatta negli anni...roba che sarebbe potuta rimanere rinchiusa nelle cassette che registravo al tempo (e che ora custodisco gelosamente a casa mia), finché non arrivò mio nipote.
Il figlio di mia sorella, Valerio, ha solo un anno meno di me (Quando io sono nato mia sorella aveva 21 anni e si stava sposando...lui è nato subito dopo), un giorno viene da me con la chitarra e mi propone di scrivere qualcosa insieme. Avevamo 15 anni io e 14 lui. Due teenagers nel pieno della potenza ormonale con tanta voglia di urlare al mondo le proprie emozioni e conquistare i cuori delle ragazze che ci piacevano con la musica.

Iniziammo a scrivere e a comporre. Io con la tastiera, lui con la chitarra...tutti e due intrecciando le nostre voci in canzoni a "duetto". Poi mi regalarono anche una chitarra e noi diventammo un duo acustico.
Dopo un paio d'anni ci raggiunse anche il mio amico Riccardo, alla batteria, così io tornai alla tastiera/voce.
Ci trovammo anche un nome: 04. Ispirati dal bicchiere di birra di misura media (0,4 l) con cui passavamo allegramente i sabati sera.

Io e Valerio amavamo esibirci di fornte ai nostri amici nelle sale di casa, e con Riccardo ci vedemmo giusto qualche volta in casa sua, con la sua prima batteria (incompleta, ma funzionale) per provare qualcosina dentro casa.

Il progetto non durò molto. E poi Valerio viveva in Sardegna, era difficile portare avanti una cosa del genere a quell'età.
Ma io e Riccardo continuammo a registrare demo in cantina...roba che se la risento oggi mi vengono i brividi, ma allora ci sembrava tutto così fico...

Scrivevo testi, suonavo la tastiera e la chitarra e quando volevo registravo le canzoni col mio migliore amico.
Potevo non volere di più dalla vita. Aggiungiamo il fatto che cantavo anche nel coro della chiesa e recitavo nei musical...stavo bene così.
Anche se mi mancava sempre qualcosa.

Poi, un giorno accadde una cosa che non mi aspettavo.
Era il secondo anniversario della scomparsa di mia sorella (una storia triste, che non vorrei però raccontare in queste righe) e io dovevo esibirmi con il coro della chiesa per un concerto di beneficenza proprio in quella data.

Ognuno di noi portava una canzone, poi c'erano delle canzoni da fare in gruppo, dei duetti...insomma, una bella serata di musica d'insieme. Una grande Jammin' session.
Per me, decisi di portare una mia canzone: "Lettera al Paradiso", scritta proprio in occasione dell'anniversario di mia sorella.

La canzone era questa (ovviamente qui riporto una versione più recente e rimasterizzata)


Quando fu il mio turno, salìi sul palco col groppo in gola.
Tutti i miei amici del coro decisero che quello doveva essere il mio momento, e mi lasciarono salire da solo con la mia chitarra.
Introdussi la canzone parlando di mia sorella e del perché l'avevo scritta per lei.

Dopodiché chiusi un attimo gli occhi, respirai profondamente...pensai tra me e me "ok, è il momento. Vai" e iniziai a cantare.
La sala mi ascoltò in un silenzio profondissimo. Io non li vedevo; un po' per i faretti puntati in faccia, un po' perché ero talmente concentrato da essermi totalmente estraneato dalla realtà.
Fu come se lei fosse lì in quel momento a sentirmi.

Poi, la canzone finì.
4 minuti di canzone. Una pausa silenziosa....io mi avvicinai al microfono e dissi "grazie."
Credevo di aver finito là e invece...le luci tornano anche sul pubblico, vedo 500 persone in piedi battere fragorosamente le mani...qualcuno piangeva, altri gridavano "bravo!". Non mi sembrava vero.
Avevo già cantato in pubblico altre volte, ma mai roba mia. Mai davanti a 500 persone...era un'emozione indescrivibile.

Quando scesi dal palco, una ragazza del coro ancora in lacrime mi disse "mi hai trasmesso le tue emozioni...per un attimo sembrava che ci fossi io al tuo posto, ho sentito quello che sentivi tu...ma come fai?"
Quelle parole decretarono quello che per me fu l'inizio del mio progetto musicale.

Era il 3 Giugno 1999, due anni dopo la scomparsa di Annabella, una delle persone che più mi incoraggiò quando sentì le mie prime canzoni scritte insieme a Valerio. La persona che per me era un modello di vita e un esempio da seguire: mia sorella.
Era la sua canzone.
Erano le parole che non le avevo mai potuto dire.
Era il mio momento.
E' stato il mio inizio.

(continua...)

lunedì 12 novembre 2012

Untitled Song n°1

Nuovo anteprima dal mio prossimo album...

The Monday Song: Rage (by Revolution) (SONG + PV)


RAGE
(Revolution)

And then we are here, faith no more
Pouring rain is extinguishing the fire
Memories of me and you on the bridge
Talkin' 'bout the future that's no more
like our dreams...

Yesterday I looked up to the sky
In the night when I feared
Yesterday I had a wish, I had dreams
But today there's only rage

Will I survive? I don't know
How many fadin' lives I still have to see?
We were stading on the bridge, side by side
And we were talkin' 'bout the future
But you're gone

I kneel before my sadness, I feel so poor and weak
Blood is burning, heart is crying
Fire! This is my rage, I'm comin' toward you
Fire! This is the end of pain, I will kill you

Rage!

And then we are here, faith no more
Pouring rain is extinguishing the fire
Memories of me and you on the bridge
Talkin' 'bout the future that's no more
like our dreams...

Rage!

Official Video

giovedì 8 novembre 2012

Enchanted Moon (versione definitiva)

martedì 30 ottobre 2012

Il Mainstream

Credo che il mainstream sia la prova del nove nei rapporti artista/fan.
Non tanto l'essere major quanto il mainstream. Perché puoi essere mainstream senza necessariamente dover avere una distribuzione major.
Quanti indipendenti finiscono in TV o in radio? Oggi come oggi basta anche avere una buona promozione sui social network, avere tante visualizzazioni su Youtube e tanti "Mi Piace" su Facebook per essere notati da una Radio Dee Jay o da una MTV di turno.

Quando arrivi lì però, anche se per te non è cambiato niente, in realtà le cose ti cambiano di brutto.
Non ho mai avuto la fortuna di entrare e restarci al punto da sperimentarlo sulla mia pelle, ma ho conosciuto tanti di quei musicisti in vita mia, che ormai mi sono fatto un'idea. Anche perché mi hanno detto tutti la stessa cosa.
Fai tanto per farti notare e la gente sta lì a incoraggiarti...e poi quando arrivi finalmente dove volevi arrivare, ecco che iniziano a voltarti le spalle.


Quando poi vai a sentire le motivazioni di questo neonato astio nei tuoi confronti, è il momento che ti cadono le braccia. "Ti sei venduto", "Adesso vai appresso alle ragazzine e non segui più i tuoi veri fan", "Hai fatto i soldi e ora inizi a commercializzarti".
Tutto questo anche se tu continui a fare esattamente quello che hai sempre fatto, né di più, né di meno.

Venduto a chi? Arrivare ad avere un livello di visibilità mainstream significa che se ho un messaggio da dare, ho maggiori possibilità di darlo e, se suonare su un palco mi diverte, allora con quella nuova visibilità dovrei avere molte più chances di divertirmi.
E' ovvio che una volta arrivato in mainstream potrebbe seguirmi chiunque. Dopotutto si chiama apposta "mainstream", perché è il canale principale; quello accessibile a tutti. Mi seguiranno le ragazzine? Ben venga, se supportano il mio lavoro e la mia musica per quel che mi riguarda può seguirmio chiunque.

E poi c'è questa storia dei soldi. Già, perché tutti credono che un cantante o una band che abbiano tante visualizzazioni su Youtube e magari un disco prodotto da un'etichetta e un video su MTV abbiano automaticamente "fatto i soldi".
Ragazzi, parliamoci chiaro. I soldi nella musica girano poco. E quel poco che gira finisce sempre in mano alle agenzie di booking, ai locali, ai produttori, ai manager, alle TV e radio...agli artisti arriva talmente poco, che continueranno a fare uno o due lavori paralleli alla musica per anni, prima di riuscire a pagarsi una bolletta con le vendite di un disco (ovvio che non sto parlando di artisti major come Justin Bieber...ma solo di chi dal nulla finisce in mainstream).

E poi scusate ma...supportare un artista non vuol dire essere contento se questo finalmente può "fare i soldi" e campare di musica? O forse l'arte e la musica per voi sono sempre quelle passioni da coltivare senza scopo di lucro? Se uno nella vita vuole fare il musicista deve guadagnare per forza, altrimenti come fa?

Oppure (orrenda verità) seguivate quel determinato artista solo perché era "alternativo" o "di nicchia" e voi volevate fare quelli che si distinguono?

L'altra prova del nove per i fan invece arriva quando esci dal mainstream.
Perché quando non hai una distribuzione che punta tutto su di te, resti lì per un paio d'anni, poi ti mandano via a calci in culo e tu ti ritrovi dal giorno alla notte nella fossa dei "dimenticati".
Anche lì avvengono delle cose.

Da una parte hai chi ti continua a seguire. Chi ti seguiva quando non eri nessuno, ha continuato quando eri qualcuno e continua ancora quando torni nessuno. Quelli sono i VERI fan.
Poi hai chi ti ha conosciuto solo quando eri già qualcuno, e poi continua a seguirti anche dopo. E anche quelli sono VERI fan.

Ma chi non ti segue più solo perché non stai più in TV...sono allo stesso livello di chi non ti seguiva quando invece in TV c'eri andato.
Le stesse persone che inneggiano tanto alla "sperimentazione musicale" e quando poi un musicista sperimenta davvero lo snobbano perché "ormai è venduto".

Io spero che il mainstream, semmai avessi la fortuna di finirci anche io, non cambi né me, né chi mi segue. Anche se so che per qualcuno non sarà così.
Cercherò di rimanere sempre me stesso...credo sia l'unica cosa importante.
Mi divertirò io, prima di dover divertire gli altri.
E continuerò a cantare quello che voglio cantare io, non quello che vuole sentire la gente.

Buona Musica a tutti

lunedì 29 ottobre 2012

IL FENOMENO GANG NAM STYLE

Lui si chiama PSY, è sudcoreano e tra poco lo vedremo sul Guinnes dei Primati.

E' infatti il detentore di un nuovo record.
Con la sua canzone "Gangnam Style" infatti, e con ben  587.758.803 visualizzazioni, 4.611.287 likes e 244.672 dislikes su Youtube, ha infatti battuto alla grande gente come LMFAO con “Party Rock Anthem” (1.574.963 likes), Justin Bieber con “Baby” (1.327.47 likes) e Adele con “Rolling in the Deep” (1.245.641 likes).

La canzone è un pezzo parodico, dal video volutamente comico, che ironizza sulla vita lussuriosa del distretto di Gangnam, a Seoul, i cui abitanti sono notoriamente ricchi e benestanti.
Protagonista della canzone è una ragazza molto raffinata, che diventa improvvisamente selvaggia e indomabile.
Il linguaggio è molto colloquiale.
Il testo è stato scritto solamente da PSY, mentre la parte musicale è stata composta a quattro mani da lui e Yoo Gun-hyung.


Durante il corso del video, PSY si cimenta in una goffa danza, che imita una cavalcata.

All'interno del videoclip compaiono delle importanti guest-star del panorama K-Pop:

- Daesung e Seungri dei Bigbang
- La cantante Kim Hyun-a del gruppo 4Minute
- Hwang Min-woo, concorrente di Korea's Got Talent scoperto da PSY

In realtà video e canzone, non sono esattamente una "rivelazione". La fortuna di PSY è data da un insieme di fattori che, combinati insieme, hanno fatto di lui l'uomo giusto al momento giusto.

In un periodo in cui l'Hallyu (cultura di massa coreana) sta prendendo piede nel mondo (dopo un'ondata di J-Rock e J-Pop che inizia pian piano a scemare); un video che racchiude al suo interno due cantanti del gruppo che ha vinto gli EMA e che si colloca ai livelli promozionali di gente come i One Direction o Justin Bieber, con la presenza di Hyuna, altro membro di una band in crescita e con la chicca finale di Hwang Min-woo, il successo era praticamente assicurato. Il video inizialmente ha spopolato tra i fan del K-Pop (quasi tutti teenagers) e poi, grazie a social network come Facebook e Twitter, ha spopolato nel mondo, giungendo fin nel vecchio continente e nelle lontane Americhe.

Nell'epoca in cui la scelta musicale appartiene ai più giovani, grazie alla diffusione di Youtube, che consente di condividere i propri contenuti all'interno di praticamente tutti i social network, si può assistere anche a questo tipo di fenomeni.
Ciò significa che oggi, ancor più dei tempi andati, non basta avere talento per sfondare. Bisogna anche trovarsi in un momento favorevole e "acchiappare" il favore della "new generation".

Con questo non voglio dire che PSY sia da buttar via, anzi, la sua canzone è molto orecchiabile, ma non si può collocare troppo al di sopra di Justin Bieber o One Direction come qualità. Il gran numero di visualizzazioni e di likes credo sia dovuto maggiormente al suo essere il fenomeno del momento. E le cose cambieranno nonappena arriverà un nuovo fenomeno da baraccone capace di cantare e ballare su di un motivetto buffo, oppure l'ennesimo fighetto/prima-donna del momento.

Per ora, meglio per il buon PSY che si goda l'attimo. Perché oggi, con i tempi che corrono, può essere davvero effimero e veloce come il batter d'un ciglio...


Testo della canzone:

GANG NAM STYLE

Oppan gang-namseutayil
Kang-namseutayil
Naje-neun ttasaroun inkanjeo-gin yeoja
Keopi hanjanye yeoyureuraneun pumkyeok i-nneun yeoja
Bami omyeon shimjangi tteugeowojineun yeoja
Keureon banjeon i-nneun yeoja
Naneun sana-i
Naje-neun neomankeum ttasaroun geureon sana-i
Keopi shikgido jeone wonsyas ttaerineun sana-i
Bami omyeon shimjangi teojyeobeorineun sana-i
Keureon sana-i
Areumdawo sarangseureowo
Keurae neo hey keurae baro neo hey
Areumdawo sarangseureowo
Keurae neo hey keurae baro neo hey
Chigeumbu-teo kal dekkaji kabol-kka
Oppan gang-namseutayil
Kang-namseutayil
Oppan gang-namseutayil
Kang-namseutayil
Oppan gang-namseutayil
Eh- sexy lady
Oppan gang-namseutayil
Eh- sexy lady
O-oo-o
Jeongsu-khae boijiman nol ttaen noneun yeoja
Ittaeda shipeumyeon mukkeot-deon meori puneun yeoja
Karyeot-jiman wen-manhan nochulboda yahan yeoja
Keureon gamkakjeo-gin yeoja
Naneun sana-i
Jeomjanha boijiman nol ttaen noneun sana-i
Ttae-ga dwehmyeon wahnjeon michyeobeorineun sana-i
Keunyukboda sasangi ul-tungbul-tung-han sana-i
Keureon sana-i
Areumdawo sarangseureowo
Keurae neo hey keurae baro neo hey
Areumdawo sarangseureowo
Keurae neo hey keurae baro neo hey
Chigeumbu-teo kal dekkaji kabol-kka
Oppan gang-namseutayil
Kang-namseutayil
Oppan gang-namseutayil
Kang-namseutayil
Oppan gang-namseutayil
Eh- sexy lady
Oppan gang-namseutayil
Eh- sexy lady
O-oo-o
Ttwiineun nom keu wiie naneun nom
Baby baby
Naneun mwol jom aneun nom
Ttwiineun nom keu wiie naneun nom
Baby baby
Naneun mwol jom aneun nom
You know what i’m saying
Oppan gang-namseutayil
Eh- sexy lady
Oppan gang-namseutayil
Eh- sexy lady
Oppan gang-namseutayil

GANG NAM STYLE

Oppa è lo stile di Gangnam
lo stile di Gangnam
Una ragazza che si sente calda e umana di giorno
Una ragazza di classe che sa godere della libertà di una tazza di caffè
Una ragazza il cui cuore diventa più caldo quando viene la notte
Una ragazza con quel tipo di torsione
Sono un ragazzo
Un ragazzo che è caldo come te durante il giorno
Un ragazzo che beve d'un fiato il suo caffè prima che si raffreddi
Un ragazzo il cui cuore esplode quando arriva la notte
Quel tipo di ragazzo
Bellissima, amabile
Sì tu, ehi, sì tu, hey
Bellissima, amabile
Sì tu, ehi, sì tu, hey
Ora andiamo avanti fino alla fine
Oppa è lo stile di Gangnam, lo stile di Gangnam
Oppa è lo stile di Gangnam, lo stile di Gangnam
Oppa è lo stile di Gangnam
Ehi, Sexy Lady, Oppa è lo stile di Gangnam
Hey Sexy Lady-oh oh oh oh
Una ragazza che sembra tranquilla ma che si diverte quando si gioca
Una ragazza che porta i capelli sciolti quando arriva il momento giusto
Una ragazza che si copre, ma è più sexy di una ragazza che mostra tutto
Una ragazza così sensibile
Sono un ragazzo
Un ragazzo che sembra calmo, ma che si diverte quando si gioca
Un ragazzo che va completamente pazzo quando arriva il momento giusto
Un ragazzo che ha idee che si gonfiano più dei muscoli
Quel tipo di ragazzo
Bellissima, amabile
Sì tu, ehi, sì tu, hey
Bellissima, amabile
Sì tu, ehi, sì tu, hey
Ora andiamo avanti fino alla fine
Oppa è lo stile di Gangnam, lo stile di Gangnam
Oppa è lo stile di Gangnam, lo stile di Gangnam
Oppa è lo stile di Gangnam
Ehi, Sexy Lady, Oppa è lo stile di Gangnam
Hey Sexy Lady-oh oh oh oh
Sopra l'uomo che corre c'è l'uomo che vola, baby baby
Sono un uomo che conosce una cosa o due
Sopra l'uomo che corre c'è l'uomo che vola, baby baby
Sono un uomo che conosce una cosa o due
Tu sai cosa sto dicendo
Oppa è lo stile di Gangnam
Ehi, Sexy Lady, Oppa è lo stile di Gangnam
Hey Sexy Lady-oh oh oh oh

The Monday Song: Senza Fretta


Testo:
Senza Fretta

Senza fretta
Il tempo passa intorno a noi
Ma mi fermo a guardare gli occhi tuoi
Senza dire una parola afferro la tua mano
E tremo respirando in questo vento strano


Ma senza fretta
La mia pelle assaggia il tuo calore
Non vorrei che fosse solo un'illusione
Io sento che quello che cercavo adesso è qui
E non voglio lasciarlo andare via
svuotando ancora questa vita mia

Com'è bella Roma stanotte insieme a te
Non mi sembra ancora vero
Quella luna che sul tevere si specchia
Sembra quasi che c'invidia

Senza fretta il tempo è già passato
Sto sognandoo è la vita che vorrei?
Una lacrima si scioglie tra le guance mie
Guardo intorno ma vedo solo te

Com'è bella Roma stanotte insieme te
Tra i neon e la luna
Questo vento fresco è tempesta dentro me
E travolge ogni parola

The Monday Song: Senza Fretta


Testo:
Senza Fretta

Senza fretta
Il tempo passa intorno a noi
Ma mi fermo a guardare gli occhi tuoi
Senza dire una parola afferro la tua mano
E tremo respirando in questo vento strano


Ma senza fretta
La mia pelle assaggia il tuo calore
Non vorrei che fosse solo un'illusione
Io sento che quello che cercavo adesso è qui
E non voglio lasciarlo andare via
svuotando ancora questa vita mia

Com'è bella Roma stanotte insieme a te
Non mi sembra ancora vero
Quella luna che sul tevere si specchia
Sembra quasi che c'invidia

Senza fretta il tempo è già passato
Sto sognandoo è la vita che vorrei?
Una lacrima si scioglie tra le guance mie
Guardo intorno ma vedo solo te

Com'è bella Roma stanotte insieme te
Tra i neon e la luna
Questo vento fresco è tempesta dentro me
E travolge ogni parola

Band o solista?

A chi mi chiede ogni tanto se preferisco stare in gruppo o lavorare da solista rispondo sempre che le due cose sono ben distinte.
In una band hai il piacere di condividere le soddisfazioni musicali con altre persone e, allo stesso tempo, la fortuna di non trovarti mai da solo quando ci sono difficoltà.
Quando, in una band, un membro è demotivato, ci sono gli altri a motivarlo e a spronarlo per andare avanti.
In una band, ogni singolo membro solitamente ricopre un ruolo ben preciso e, se si lavora in coordinazione, difficilmente si trova a occuparsi di altro, salvo eccezioni.
Nei REVOLUTION, ad esempio, mi occupavo di scrivere i testi e le linee vocali. Solitamente andava così: ognuno pensava al suo strumento, partendo dall'idea di base di uno di noi.


Da solista invece, ti ritrovi a fare tutto da solo.
Se una serata va bene sei soddisfatto, ma se dovesse andar male, non hai nessuno con cui condividere il tuo dispiacere per cercare di tirarti su. E questo è un lato negativo, perché se sei demotivato non hai nessuno che ti sproni a continuare.
Di positivo però c'è che, in fase di composizione, sei totalmente solo.
Ciò significa che, se hai un'idea ben precisa di canzone, farai esattamente quello che hai in testa, senza dover passare la tua idea al vaglio degli altri membri. Questo contribuisce molto anche alla crescita musicale di una persona che, in assenza di altre menti compositive, si trova costretta a reinventarsi necessariamente, per non cadere nel baratro del "già sentito" delle proprie canzoni.

Non riesco ancora a dire quale delle due situazioni preferisco perché trovo dei lati positivi e dei lati negativi in entrambe. Forse è per questo che ho sempre avuto due progetti paralleli (gruppo e solista).
Forse non riuscirei mai a fare il turnista. Non perché io abbia qualcosa contro chi lo fa, anzi...sono degli ottimi supporti quando hai bisogno di qualcuno per un live.
Ma semplicemente perché tenderei sempre a metterci del mio e questo può dar fastidio a chi mi commissiona di cantare o suonare per lui, perché quando sei turnista, devi diventare un freddo esecutore di uno spartito che dovrà essere sempre quello per tutti coloro che ti succederanno.

Per ora comunque, un gruppo non ce l'ho più e nessuno mi ha ancora chiesto di suonare o cantare per lui come turnista. Ho tutto il tempo di dedicarmi alla mia musica.
Chissà cosa accadrà nel futuro...

sabato 27 ottobre 2012

REVOLUTION - Rage

Primo ed ultimo (quindi unico) video dei REVOLUTION: Rage
E' la colonna sonora di COLUMNS, in onda tutti i Martedì alle 23:00 su TEN - Tele Europa Network

giovedì 25 ottobre 2012

About REVOLUTION's disbanding

IT
Sarò solo un solista ora. I Revolution sono stati il progetto più importante che abbia mai avuto. Non sono solo colleghi, sono miei amici. E siamo ancora amici.
Io, Artus, Arkady e Van siamo sempre amici. Siamo amici, prima di essere un gruppo di musicisti che suonano insieme.

Scioglierci non ha modificato i nostri rapporti. Siamo sempre gli stessi che eravamo prima.

Sono solo Roberto ora, non più RyoGa Wonder, cantante dei Revolution. Solo Roberto il cantante.

Per ora, non so quale sarà il mio destino. Se sarò solo un solista, o se collaborerò con altra gente in una band...non mi piace dire "non più band nella mia vita" perché credo che nulla sia scritto.

Ma per ora, ho solo voglia di andare avanti.
Buona Musica a tutti!

EN
I'll be just a solo artist now. Revolution has been the most important project for me. They are not just coleagues, they are friends for me. And we are still friends.
Me, Artus, Arkady and Van are always friends. We are friends, before being musicians who play together.

Disbanding has not modified our friendship. We are always the same people we were before.

I'm just Roberto now, not anymore Ryo
Ga Wonder, singer of Revolution. Just Roberto: singer.

For now, I just don't know what my destiny will be. If I'll be just a soloist, or if I'll collaborate with other people in a band....I don't like to say "no more bands in my life" because I think nothing is written.

But for now, I just wanna think about going on.
Stay Tuned!

lunedì 22 ottobre 2012

The Monday Song: Lettera al Paradiso


Testo:
Lettera al Paradiso

Alzo gli occhi e guardo in cielo
e son convinto che dietro ci sei tu
che il tuo sguardo da sopra le stelle
dolcemente rivolgi quaggiù


Una lacrima scende dal cuore
se penso che tu non ci sei più
tu che hai vissuto una vita d'Amore
te ne sei andata via per non tornare mai

E questa canzone è per te
che non hai smesso mai
di stare nei sogni miei
Questa è la mia lettera al Paradiso
che tu leggerai

Alzo gli occhi e riguardo le stelle
che sono belle come eri tu
e l'Amore nell'aria stasera
è lo stesso che infondevi tu

Chiudo gli occhi e ripenso
ai momenti felici passati con te
da quando io ero piccolino
ai giorni che tu cantavi con me

E questa canzone è per te
che non hai smesso mai
di stare nei sogni miei
Questa è la mia lettera al Paradiso
che tu leggerai

Ora tornerò a letto a dormire
sapendo che sognerò te
ma stavolta sorride il mio cuore
perché so che ora tu sei felice lassù

mercoledì 17 ottobre 2012

Un mondo digitale

Il logo di iTunes

"Era meglio prima". Quante volte abbiamo sentito questa frase?
Oggi, mi prendo il lusso di smentirla. Almeno dal punto di vista pratico del termine.
Parlo, ovviamente di musica e dischi, ma il mio discorso si può estendere anche ai libri.

Un tempo, neanche tanto remoto, per ascoltare una canzone c'erano tre possibilità:
1. Comprare un vinile
2. Comprare una cassetta
3. Comprare un CD.

In tutti e tre i casi, dovevi spendere un tot. di soldi per avere a casa un album con almeno 6 o 7 canzoni (a volte anche 10) dello stesso artista, quando magari te ne piaceva solo una.
Non solo; a volte uscivano le raccolte di successi, i cosiddetti "Best Of", che contenevano quasi sempre una traccia inedita. Ti piaceva solo quella? La volevi? Dovevi accollarti anche tutte le altre canzoni.
Così ti trovavi anche con i doppioni. Magari di canzoni che non volevi neanche nella prima versione.


Un giradischi con un vinile inserito
I costi poi erano elevati perché al costo delle incisioni, bisognava aggiungere il costo per la masterizzazione dei supporti, quello per la stampa delle copertine e dei libretti e quello per la distribuzione nei negozi (quindi tutti i costi dei vari corrieri che portavano il disco in giro per il mondo nei vari negozi). Non per ultimo c'era il costo del famigerato "bollino SIAE". Un pezzetto di carta adesiva argentato, con su scritti i dettagli in codice dell'opera che eri andato a comprare che ne attestava l'autenticità.
Un cosetto che costava ai produttori sulle 10 o 20 £ al pezzo (oggi costano circa 0,05 €); quindi un costo totale di 1.000.000 £ ogni centomila copie (oggi 50.000,00 €).

Insomma; tra una cosa e l'altra un disco ci veniva a costare sulle 20.000 / 30.000 £. Oggi direste "10,00 / 15,00 €" ma sbagliereste. Infatti fino a poco tempo fa i dischi costavano circa 20,00 / 30,00 €

Una Musicassetta
Aggiungiamo a tutto ciò che, quando uscivano i dischi, uscivamo a comprarli...fai che spendevamo tra le 2.000 e le 5.000 £ tra biglietto della metro (andata e ritorno), eventuale autobus o tram....oggi dovete raddoppiare anche questi costi in quanto il biglietto della metro di Roma, che un tempo costava 1.000 £ (poi passò a 1.200 mi pare) oggi costa 1,00 € (2.000 £!!!)

Tutto questo per cosa? Per prendere un album, tornare a casa, ascoltarlo...e poi fossilizzarsi su due, o al massimo tre canzoni per il resto dei giorni.

Era davvero meglio?

Oggi stiamo vivendo in un era di rivoluzione digitale.
Quando un musicista pubblica un nuovo album ne carica le anteprime su soudcloud, su MySpace, mette il video principale su Youtube e poi condivide tutto su Facebook e Twitter.
Un fan si collega dal proprio social network e ha la possibilità di sentire il primo minuto di tutte le canzoni appena uscite (alcune le può sentire anche per intero). Decide da solo se gli piacciono tutte o se ne vuole solo qualcuna. Così si collega a iTunes, oppure ad Amazon, oppure su Google Play oppure su uno dei tanti negozi online e, con un costo che non arriva neanche a un euro (su alcuni siti le canzoni costano 0,70 €) può acquistare quello che vuole.

Mi direte "ma io non mi fido a lasciare il numero della mia carta di credito ad un sito, neanche di una prepagata come la postepay".
Sacrosanto diritto che vi viene riconosciuto. E infatti, se vi recate un giorno per caso in qualche negozio di libri e musica, come la Feltrinelli ad esempio, potrete comprare le iTunes Card.
Cosa sono? Delle semplici schede molto simili alle ricariche telefoniche che contengono un codice.
Come le ricariche telefoniche si trovano anche esse di varie "taglie".

L' iTunes Card
Eccone una qui accanto, tanto per farvi vedere come sono fatte.

Un altro vantaggio della cultura digitale è il risparmio di spazio.
E' vero, anche io sono un tradizionalista e amo avere i miei CD e libri preferiti ordinati negli appositi scaffali. Non dico che devono sparire.
Ma con questo nuovo approccio ho un grande vantaggio: posso scegliere di mettere nella mia libreria solo alcuni libri e alcuni dischi; quelli che considero i migliori. Per il resto ho il mio computer...pensate a quanto spazio si risparmierebbe dentro casa.

Volete portarvi la musica in macchina mentre viaggiate? Beh, se avete una pennetta USB e un autoradio abilitato il gioco è fatto...volete sentire le canzoni a casa dall'impianto Hi-Fi senza dover necessariamente accendere il PC? Oggi la quasi totalità degli stereo ha la porta USB.

Lo so, uno stereo nuovo (come anche un autoradio) è una bella spesa...

Ma pensate una cosa: spendete 200,00 € oggi per farvi un impianto stereo in macchina (o, magari a casa).
Poi le canzoni le comprate a 0,99 €....0,80 €...0,70 €....per SEMPRE.

La stessa cosa poi vale per libri e film.
E oggi un tablet, che sia un Galaxy Tab o un iPad non costa tanto.
Come no? A cosa mi riferisco? Cosa mi sono fumato?
Niente, sto semplicemente dicendo che oggi molti gestori di rete telefonica permettono di acquistare uno smartphone o un tablet a un quinto del prezzo, e poi pagare un fisso mensile (che comprende l'abbonamento al telefono). Tanto comunque avreste dovuto ricaricare il telefono ogni tanto no? Qui invece si tratta di caricarlo di 15 o 20 € al mese (personalmente risparmio molto in questo modo).

Siete pigri e non vi va di andare a comprare la iTuens Card? Bene, hanno pensato anche a questo.
Il Nokia Store, l'Android Market e tanti alti negozi digitali vi permettono di acquistare le vostre canzoni preferite utilizzando direttamente il credito telefonico! Senza dover fare la fila al negozio per comprare la card.

Sinceramente...alla luce di tutto questo mi viene da pensare una cosa. Anzi, forse due:
1. Che senso ha la pirateria oggi, con quesi costi così ridotti?
2. Meglio prima??? Ma siamo matti?

Buona Musica a tutti!

-Rob-

martedì 16 ottobre 2012

I Social Network musicali più usati

Nella puntata di Vita da can(tant)i dedicata ai Social Network, vi ho accennato un po' di siti ai quali accedere per poter far conoscere la propria musica.

Ho deciso di farvene conoscere un po'....ovviamente non posso conoscerli tutti neanche io, però vi faccio vedere almeno quelli in cui ho anche un profilo personale.
Iniziamo subito:


MYSPACE: Le nuove funzioni e la nuova interfaccia non sono male, sebbene rimane ancora molto lento.
Tuttavia, questo nuovo MySpace è stato pensato espressamente per i musicisti, e si vede.
Da provare, non è più essenziale averlo come lo era un tempo, ma consente comunque di ampliare le nostre cerchie di conoscenze. E poi ha una funzionale applicazione che lo collega alla vostra pagina artista su Facebook. Utile per depositare i brani da far sentire poi sul network del caro Zuckenberg.

REVERBNATION: Molto simile a MySpace, pensato strettamente per musicisti, suggerisce agli utenti la musica da ascoltare in base ai propri gusti musicali.
Anche Reverbnation, come MySpace, è dotato di un'utilissima app per Facebook, che mette in comunicazione i due Social Network, rendendo Reverbnation un "player" dove depositare le canzoni da trasmettere su faccialibro.

SOUND CLOUD: A parte la solita utilità di condivisione dei contenuti su Facebook tramite la solita app, Sound Cloud consente anche di inserire nella descrizione dei brani uppati il codice della relativa licenza Creative Commons. E' buono per depositare i brani al fine di proteggerne il diritto d'autore. 
E' un buon sostituto degli archivi della SIAE, in pratica. 

DEEZER: Questo, a differenza degli altri, oltre l'app per Facebook ha anche la funzionalità di condivisione con Sound Cloud, condividendo i propri mp3 tra i due network.

PURE VOLUME: Non c'è molto da dire: l'ho sempre considerato un clone di MySpace più veloce e....continuo a considerarlo così. Non lo considero un network "obbligatorio" da avere ma...sempre meglio abbondare, che deficiere, no?

HEINEKEN MUSIC: Come sito, è utile soltanto per il contest per l'Heineken Jammin' Festival.
Tuttavia il profilo artista è molto completo. Sembra quasi di vedere una pagina del vecchio MySpace.
Ed è utile per farsi conoscere, al di là del contest.

La cosa molto comoda di quasi tutti i Social Network e i portali musicali è che al 90% hanno quel bellissimo, quanto utilissimo tastino "Accedi con Facebook", che ci risparmia tutto il tempo della registrazione, la mail di notifica...e anche di doverci ricordare la password, i captcha...basta cliccare su quel pulsantino e....voilà! Eccoci iscritti!

In conclusione ragazzi....ricordatevi sempre una cosa: posso essere iscritto a diecimila socil network, posso avere profili e pagine su di me su tutti i portali musicali del mondo. Ma se non sono io ad arricchirli di contenuti, nessuno verrà mai a conoscermi, e nessuno mi apprezzerà mai.

Quindi, esercitatevi, cantate, suonate, registrate, ma soprattutto...non perdete mai il ritmo! Stare fermi troppo tempo vi fa automaticamente uscire dal giro (ne so qualcosa) e prima di rientrare ce ne vuole...

BUONA MUSICA A TUTTI! 

venerdì 12 ottobre 2012

Nuovo link per scaricare "OLTRE"

Come annunciato pochi giorni fa: ecco il nuovo link per scaricare gratuitamente il mio libro "OLTRE".
Il link è presente anche alla sezione "BOOKSTORE" nel menu qua in alto

http://www.boorp.com/libri_gratis_pdf/libro_Oltre_in_pdf_gratis.php


giovedì 11 ottobre 2012

Vita da Can(tant)i #5 - La Promozione (Parte II)

Eccoci giunti alla quinta puntata di Vita da Can(tant)i.
Seconda parte dello speciale dedicato alla promozione.
Oggi si parla di promozione su Radio e TV e Street Team!




mercoledì 10 ottobre 2012

Enchanted Moon (DEMO)

Ritardo di un pochino l'uscita del nuovo Vita da Can(tant)i, il video è in fase di montaggio...credo lo upperò domani.

Per oggi, vi regalo una demo dal mio disco in lavorazione: Enchanted Moon


martedì 9 ottobre 2012

Webzine sulla musica: ecco le mie preferite

Ecco un elenco di webzine che mi sento di consigliarvi se siete appena "emersi" e volete cercare di inserirvi meglio.

Sono tutti siti che io stesso leggo periodicamente e sui quali scopro anche nuova musica da ascoltare.
Eccovi un elenco:

STEEL MUSIC PROMOTION: Sì, ok...è la mia. Ma proprio per questo dovete fidarvi, no? Se siete interessati a farvi conoscere tramite noi, mandatemi una mail a roberto@steelmusic.it; vi rispondo direttamente io e ci mettiamo d'accordo, ok? Altrimenti, se io vi sto antipatico, scrivete a info@steelmusic.it...la controlliamo tutti e, se vi dice bene, vi può rispondere qualcun altro...a meno che non sia il mio turno e non risponda io stesso...in tal caso siete condannati!
Scherzi a parte: cerchiamo di tenere aggiornato il sito settimanalmente con articoli, recensioni, interviste e live report. Spero possa esservi utile in caso vogliate un'intervista o un report.

Se invece vi piace in modo particolare la musica italiana e volete essere recensiti da un sito che se ne occupi in maniera esclusiva, non posso non consigliarvi Rockit .
Aggiornato quotidianamente, recensisce un po' di tutto e chi ci lavora è molto competente in materia.

Se siete metallari, il migliore in assoluto, che io seguo da 10 / 11 anni circa è Metalitalia .
Su Satyrnet invece, trovate un po' di tutto; visto che è un sito sull'intrattenimento. Ma ha un'ottima sezione "Musica"  in cui sono spesso segnalati anche eventi di interesse come festival per band emergenti.
Impatto Sonoro invece è un bel sito alternativo, diverso dal solito. Devo essere sincero, non lo conosco molto bene, ma non mi sembra per niente male.

Se poi avete Facebook e volete farvi conoscere, volete dare spazio alla vostra musica e farl sentire a persone competenti, vi consiglio questo gruppo: SHOWCASE; una community di addetti ai lavori molto utile per cheidere commenti e suggerimenti per voi e la vostra musica.

BUONA MUSICA A TUTTI!

Webzine sulla musica: ecco le mie preferite

Ecco un elenco di webzine che mi sento di consigliarvi se siete appena "emersi" e volete cercare di inserirvi meglio.

Sono tutti siti che io stesso leggo periodicamente e sui quali scopro anche nuova musica da ascoltare.
Eccovi un elenco:

STEEL MUSIC PROMOTION: Sì, ok...è la mia. Ma proprio per questo dovete fidarvi, no? Se siete interessati a farvi conoscere tramite noi, mandatemi una mail a roberto@steelmusic.it; vi rispondo direttamente io e ci mettiamo d'accordo, ok? Altrimenti, se io vi sto antipatico, scrivete a info@steelmusic.it...la controlliamo tutti e, se vi dice bene, vi può rispondere qualcun altro...a meno che non sia il mio turno e non risponda io stesso...in tal caso siete condannati!
Scherzi a parte: cerchiamo di tenere aggiornato il sito settimanalmente con articoli, recensioni, interviste e live report. Spero possa esservi utile in caso vogliate un'intervista o un report.

Se invece vi piace in modo particolare la musica italiana e volete essere recensiti da un sito che se ne occupi in maniera esclusiva, non posso non consigliarvi Rockit .
Aggiornato quotidianamente, recensisce un po' di tutto e chi ci lavora è molto competente in materia.

Se siete metallari, il migliore in assoluto, che io seguo da 10 / 11 anni circa è Metalitalia .
Su Satyrnet invece, trovate un po' di tutto; visto che è un sito sull'intrattenimento. Ma ha un'ottima sezione "Musica"  in cui sono spesso segnalati anche eventi di interesse come festival per band emergenti.
Impatto Sonoro invece è un bel sito alternativo, diverso dal solito. Devo essere sincero, non lo conosco molto bene, ma non mi sembra per niente male.

Se poi avete Facebook e volete farvi conoscere, volete dare spazio alla vostra musica e farl sentire a persone competenti, vi consiglio questo gruppo: SHOWCASE; una community di addetti ai lavori molto utile per cheidere commenti e suggerimenti per voi e la vostra musica.

BUONA MUSICA A TUTTI!

lunedì 8 ottobre 2012

The Monday Song: The Moon and Wind Lullaby

Ho deciso che, a partire da questa settimana, aprirò due nuove rubriche:
- The Monday Song  (Tutti i Lunedì alle ore 19:00)
Ogni Lunedì una canzone per iniziare meglio la settimana.
Saranno canzoni sia mie, che di altri cantanti o gruppi che mi piacciono.

- La Poesia del Giovedì (Tutti i Giovedì alle 19:00)
Tutti i Giovedì pubblicherò una poesia. Mia o di qualcun altro, non ha importanza. Saranno tutte poesie che amo e che sono fonte di ispirazione per me.

Oggi è Lunedì quindi...


Inizio con questa canzone: è una strumentale al pianoforte. E' mia.
E' la mia canzone inserita all'interno della Web-Serie "Columns" come colonna sonora.

The Moon and Wind Lullaby


sabato 6 ottobre 2012

Come farsi pubblicità con Facebook

Visto che su "Vita da can(tant)i" ho appena parlato di promozione e, nella puntata precedente, anche di Social Network e, visto che nei video ho un tempo limitato per poter completare certi discorsi, ho deciso di approfondire qui alcune cose di cui non riesco a parlare nei video.

Oggi voglio illustrarvi come fare per poter pubblicare annunci pubblicitari su Facebook.
Allora: innanzitutto dovete avere una pagina da pubblicizzare. Per crearla basta andare qui e cliccare su "Crea la tua";  dopodiché basta seguire le istruzioni e avrete fatto.


Quando avrete creato la pagina e l'avrete riempita con i vostri contenuti, accedetevi e, dal menù a tendina accanto al pulsantino "Mi Piace" (anzi, voi vedrete, "Ti Piace" visto che è la vostra pagina) selezionate "Crea un'inserzione", oppure cliccate sul pulsante "Ottieni più Mi Piace" che vedete accanto alla pagina, come illustrato qui sotto (clicca sulle immagini per ingrandirle):


Una volta cliccato, si aprirà una pagina simile a questa:


Sul primo campo vi chiede cosa volete promuovere: s un sito, una pagina di facebook, un video, un articolo etc...
In default vi inserisce la pagina dalla quale siete arrivati.
Sotto vi chiede se volete promuovere la pagina, oppure un post specifico (magari l'annuncio di un video, di una canzone nuova, di un evento importante o di un'intervista appena uscita...) voi cliccate sul nome della vostra pagina.

Sotto vi farà scegliere tra un annuncio che pubblicizza la vostra pagina, o le informazioni sul vostro pubblico (es: a 1.000 persone piace la pagina, 500 vengono dall'Italia).
Voi cliccate su "Una nuova inserzione su <nome della vostra pagina>"

Ora è il momento di scrivere un annuncio accattivante per far sì che la gente clicchi sulla vostra pagina.
Potete anche cambiare immagina, se per esempio volete mettere la copertina del vostro ultimo disco.

Proseguendo con la pagina, ecco cosa vedrete...


Luogo: vi chiede se volete un filtro particolare sui paesi che devono vedervi o se va bene tutto il mondo (in tal caso inserite quanti più paesi conoscete).
Età: Cercate di capire da chi siete più seguiti e puntate su di loro (così risparmiate soldi).
Se ci fate caso, a destra il numero di Pubblico che vedrà il vostro annuncio cambia a seconda dei filtri che impostate.
Interessi precisi: Questo filtro è pensato per chi deve promuovere pagine tematiche. Voi siete cantanti, potete piacere a chi ama la tecnologia, ai single, alle persone sposate, agli atei e ai religiosi. Per voi non c'è differenza, quindi ignorate questo passaggio.
Connessioni: Beh...inutile dire che dovete lasciare "Solo persone non connesse a ROBERTO ROMAGNOLI" che senso ha farvi conoscere da chi vi conosce già (a meno che non state promuovendo solo un vostro annuncio e quindi volete che lo vedano tutti, in tal caso mettete "Tutti")


Definite un obiettivo per la vostra pagina (io lascio sempre "cliccare Mi Piace sulla mia pagina") e poi decidete quale sarà il vostro budget.
Potete decidere un tetto massimo oltre il quale Facebook bloccherà la vostra inserzione fin quando non modificherete.

Date un nome alla vostra campagna e poi proseguite.

Quando avrete finito e ordinerete (cliccando su "Ordina") vi verranno richiesti i dati per il pagamento e il numero della vostra carta di credito. Vi consiglio una carta prepagata, come la postepay, per evitare rischi, oppure il servizio PayPal.

Facebook scalerà i soldi dalla vostra carta o conto paypal ad ogni periodo scelto da voi per la riscossione (settimanalmente, mensilmente, quotidianamente...). Ricordatevi che siete solo VOI a decidere quando interrompere la campagna!

Spero questo post vi sia stato d'aiuto, io per ora mi fermo qui e vi dò appuntamento a Mercoledì prossimo con la nuova puntata di "Vita da can(tant)i" in cui finirò il discorso sulla promozione iniziato la settimana scorsa.

Vi invito a continuare a seguire questo sito e tutti i suoi aggiornamenti e a cliccare "Mi Piace" sulla mia pagina Facebook (il link sta qui a destra) e ad unirvi a me anche negli altri Social Network.
Presto inserirò anche le mie canzoni nuove, spero vi piacciano

BUONA MUSICA A TUTTI!


Come farsi pubblicità con Facebook

Visto che su "Vita da can(tant)i" ho appena parlato di promozione e, nella puntata precedente, anche di Social Network e, visto che nei video ho un tempo limitato per poter completare certi discorsi, ho deciso di approfondire qui alcune cose di cui non riesco a parlare nei video.

Oggi voglio illustrarvi come fare per poter pubblicare annunci pubblicitari su Facebook.
Allora: innanzitutto dovete avere una pagina da pubblicizzare. Per crearla basta andare qui e cliccare su "Crea la tua";  dopodiché basta seguire le istruzioni e avrete fatto.


Quando avrete creato la pagina e l'avrete riempita con i vostri contenuti, accedetevi e, dal menù a tendina accanto al pulsantino "Mi Piace" (anzi, voi vedrete, "Ti Piace" visto che è la vostra pagina) selezionate "Crea un'inserzione", oppure cliccate sul pulsante "Ottieni più Mi Piace" che vedete accanto alla pagina, come illustrato qui sotto (clicca sulle immagini per ingrandirle):


Una volta cliccato, si aprirà una pagina simile a questa:


Sul primo campo vi chiede cosa volete promuovere: s un sito, una pagina di facebook, un video, un articolo etc...
In default vi inserisce la pagina dalla quale siete arrivati.
Sotto vi chiede se volete promuovere la pagina, oppure un post specifico (magari l'annuncio di un video, di una canzone nuova, di un evento importante o di un'intervista appena uscita...) voi cliccate sul nome della vostra pagina.

Sotto vi farà scegliere tra un annuncio che pubblicizza la vostra pagina, o le informazioni sul vostro pubblico (es: a 1.000 persone piace la pagina, 500 vengono dall'Italia).
Voi cliccate su "Una nuova inserzione su <nome della vostra pagina>"

Ora è il momento di scrivere un annuncio accattivante per far sì che la gente clicchi sulla vostra pagina.
Potete anche cambiare immagina, se per esempio volete mettere la copertina del vostro ultimo disco.

Proseguendo con la pagina, ecco cosa vedrete...


Luogo: vi chiede se volete un filtro particolare sui paesi che devono vedervi o se va bene tutto il mondo (in tal caso inserite quanti più paesi conoscete).
Età: Cercate di capire da chi siete più seguiti e puntate su di loro (così risparmiate soldi).
Se ci fate caso, a destra il numero di Pubblico che vedrà il vostro annuncio cambia a seconda dei filtri che impostate.
Interessi precisi: Questo filtro è pensato per chi deve promuovere pagine tematiche. Voi siete cantanti, potete piacere a chi ama la tecnologia, ai single, alle persone sposate, agli atei e ai religiosi. Per voi non c'è differenza, quindi ignorate questo passaggio.
Connessioni: Beh...inutile dire che dovete lasciare "Solo persone non connesse a ROBERTO ROMAGNOLI" che senso ha farvi conoscere da chi vi conosce già (a meno che non state promuovendo solo un vostro annuncio e quindi volete che lo vedano tutti, in tal caso mettete "Tutti")


Definite un obiettivo per la vostra pagina (io lascio sempre "cliccare Mi Piace sulla mia pagina") e poi decidete quale sarà il vostro budget.
Potete decidere un tetto massimo oltre il quale Facebook bloccherà la vostra inserzione fin quando non modificherete.

Date un nome alla vostra campagna e poi proseguite.

Quando avrete finito e ordinerete (cliccando su "Ordina") vi verranno richiesti i dati per il pagamento e il numero della vostra carta di credito. Vi consiglio una carta prepagata, come la postepay, per evitare rischi, oppure il servizio PayPal.

Facebook scalerà i soldi dalla vostra carta o conto paypal ad ogni periodo scelto da voi per la riscossione (settimanalmente, mensilmente, quotidianamente...). Ricordatevi che siete solo VOI a decidere quando interrompere la campagna!

Spero questo post vi sia stato d'aiuto, io per ora mi fermo qui e vi dò appuntamento a Mercoledì prossimo con la nuova puntata di "Vita da can(tant)i" in cui finirò il discorso sulla promozione iniziato la settimana scorsa.

Vi invito a continuare a seguire questo sito e tutti i suoi aggiornamenti e a cliccare "Mi Piace" sulla mia pagina Facebook (il link sta qui a destra) e ad unirvi a me anche negli altri Social Network.
Presto inserirò anche le mie canzoni nuove, spero vi piacciano

BUONA MUSICA A TUTTI!


venerdì 28 settembre 2012

Vita da Cantanti: Terza puntata: I Social Network!

Terzo appuntamento con Vita da can(tant)i; argomento del giorno: I Social Network!
Una delle cose essenziali per farsi una buona promozione è essere rintracciabile e visibile in rete. Ma come fare per sfruttare al meglio questa possibilità? Quante e quali possibilità ci offre il web 2.0 per promuovere la nostra musica?
In questo video si cerca di dare risposta a queste domande. Buon divertimento e buona musica a tutti!


Vita da Cantanti: Terza puntata: I Social Network!

Terzo appuntamento con Vita da can(tant)i; argomento del giorno: I Social Network!
Una delle cose essenziali per farsi una buona promozione è essere rintracciabile e visibile in rete. Ma come fare per sfruttare al meglio questa possibilità? Quante e quali possibilità ci offre il web 2.0 per promuovere la nostra musica?
In questo video si cerca di dare risposta a queste domande. Buon divertimento e buona musica a tutti!


sabato 15 settembre 2012

Vita da can(tant)i - Puntata 1!

Inauguriamo il nuovo canale Youtube con una nuova rubrica/vlog chiamata "Vita da can(tant)i".
Buon divertimento!


Vita da can(tant)i - Puntata 1!

Inauguriamo il nuovo canale Youtube con una nuova rubrica/vlog chiamata "Vita da can(tant)i".
Buon divertimento!


mercoledì 5 settembre 2012

Articolo su INORAN by Roberto pubblicato su JAPANIMANDO numero 15

Per scaricare la rivista e leggerlo (insieme a tutti gli altri articoli, ovviamente) o semplicemente per leggerlo online, cliccate qua sotto!

Finite le vacanze, si ricomincia (Vlog)

Finite le vacanze, si ricomincia (Vlog)

lunedì 20 agosto 2012

Online Book Store

Per chi, oltre a voler acquistare una copia di "Oltre", volesse anche tenersi aggiornato su tutti gli aggiornamenti e le mie pubblicazioni letterarie, ecco il mio online store su LuLu

lunedì 16 luglio 2012

Conferma definitiva concerto

La presentazione del libro "Oltre" , con relativo concerto acustico è stata spostata definitivamente Sabato 28 Luglio presso l'Aquisgrana Caffè Letterario.
Tutte le info nell'evento descritto nei post precedenti

venerdì 6 luglio 2012

Rinvio concerto

A causa di problemi personali, sono costretto a dover spostare l'evento "Oltre: il concerto" a Sabato 21 Luglio 2012; sempre presso l'Aquisgrana Caffè Letterario, in via Ariosto 28/30 a Roma (zona San Giovanni).

L'ingresso è sempre gratuito

Scusandomi con tutti voi, vi invito comunque a venire numerosi.
Non mancate! Io, stavolta, non mancherò!

Rob

venerdì 22 giugno 2012

Roberto - Oltre il concerto

Roberto Romagnoli presenta il primo libro dal titolo "Oltre" + Mini live acustico.


<<Ingresso gratuito>>


Dopo l'evento per chi volesse consumare un aperitivo ci sarà uno sfizioso buffet.

Luogo dell'evento:
Aquisgrana Caffè Letterario
Via Ariosto 28/30
Roma

http://www.facebook.com/Aquisgrana.CaffeLetterario

OLTRE:
Le parole sono un po' come l'acqua: escono da noi senza una forma, si spandono, possono deformarsi, si insinuano nella mente come l'acqua nelle fessure. Possiamo mettere l'acqua in un bicchiere e guardarlo. Non sembrerebbe un granché. Possiamo prendere un bicchiere decorato o un calice, e rendere quella forma d'acqua più interessante...ma mai, e sottolineo mai, smetteremo di ammirare quanto sia affascinante il mare.

ROBERTO ROMAGNOLI:
Cantante dei Revolution e solista, al suo primo libro di poesie.
Presenterà anche una sua demo (distribuita gratuitamente) con alcune delle sue canzoni.
Dopo i singoli "Sei" , "Se...", "Lettera al Paradiso", "University Life", "Sense of Living" e il primo album "In Viaggio" torna sui palchi con un nuovo concerto tutto acustico.

http://www.robertoromagnoli.net/
http://www.facebook.com/robertoromagnoliofficial

L'ingresso è gratuito.
NON MANCATE!

lunedì 18 giugno 2012

TRAGEDIA A TORONTO


Tragedia a Toronto nella serata di ieri, 16 Giugno. Sul luogo del concerto dei Radiohead è crollato il palco e purtroppo ha perso la vita uno spettatore. Inoltre ci sono stati anche tre feriti. Il concerto, in programma in serata al Downsview Park di Toronto, è stato cancellato. Le cause del crollo non sono ancora note.
Questa triste notizia si va ad aggiungere al crollo dell’impalcatura per il concerto di Jovanotti in programma il 12 dicembre scorso al Palasport di Trieste, con un morto e sette feriti, e al crollo del palco a Reggio Calabria prima di un concerto di Laura Pausini a Marzo, con un morto e due feriti.

Tra meno di due settimane i Radiohead saranno Italia:faranno tappa a Roma il 30 giugno prossimo presso l'ippodromo di Capannelle al Rock in Roma.

sabato 2 giugno 2012

LE INTERVISTE DI STEEL MUSIC: TONY AMODIO


Oggi intervistiamo un altro vecchio amico di VK-Records e quindi ora di Steel Music: Tony Amodio. Cantautore italiano, ma anche bassista dei Bee Hive da dopo la reunion.
Ciao Tony e benvenuto in Steel Music. E' un po' di tempo che non sentiamo parlare di te, hai qualcosa in uscita?
Ciao Roberto e grazie.
In uscita non ho niente, sto lavorando a molte produzioni in Messico. Se ti va, possiamo parlare di come si vive la musica in Messico e in Italia e, soprattutto, perché la scelta di andarmene dall' Italia.
- Bene, parliamone allora.
Ok. Da quando sono in Messico, posso dirti che mi vergogno di essere italiano.


Lo stato italiano è una mafia. Siamo la patria della cultura e invece di incoraggiarla questi governanti la stanno ammazzando.
Hanno tassato tutto. Io, che ho studiato e ho dato tutta la mia vita per la musica e non so fare altro, ho fatto tre anni come produttore in Italia. Tre anni bestiali. Ho scritto per tanta gente, fatto tour con i Bee Hive, fatto tour da solista...l'ultimo anno ho capito che le cose stavano cambiando. Stava finendo tutto.
E mi sono prevenuto.

- Come ti sei prevenuto?
Ero venuto in vacanza in Messico con la mia futura moglie che, per metà è messicana e per metà italiana. Mi sono innamorato di Acapulco e, durante l'anno di transizione, ho iniziato a prendere contatti e così ho deciso di fare le valigie e prendermi un periodo di prova.
Svegliarsi al mattino sapendo che è estate tutto l'anno non ha prezzo.

- Cosa fai ora in Messico?
Mi hanno offerto la cattedra di canto e di basso in una delle accademie più prestigiose della YAMAHA.

- Complimenti! Senti, confermami una cosa: anche in Messico funziona come negli Stati Uniti e in Giappone per chi fa musica? Cioè: incoraggiano di più gli inediti piuttosto che le cover band?
Dipende dal contesto; nei club si incoraggiano molto le cover, però ovviamente spesso si vedono anche band inedite. Dipende dal locale e dalle serate.

- Molto spesso in Italia i club sono insicuri sulle proposte che gli vengono portate. Per questo preferiscono le coverband; per loro c'è una fetta di pubblico comunque assicurata: tutti i fan della band originale. Se ti trovi a fare un repertorio inedito invece ti fanno mille domande. E' così anche lì?
Diciamo che in Italia non chiedono musicisti, ma veri e propri PR.
Io sono rimasto schifato dalla situazione italiana.
Pensa che qui, oggi dopo solo tre mesi sono docente in una delle accademie più importanti a mondo e ho ripreso il giro delle produzioni. Sto producendo diversi dischi di artisti messicani e sto programmando un tour acustico in Messico per subito dopo l'estate.

- Quale è il genere di punta da quelle parti?
Qui va molto la musica melodica, ma anche rap e rock trovano il loro spazio.
Poi c'è la loro musica tradizionale che è quella popolare. Un po' come da noi c'è la musica napoletana o quella romana o quelle regionali...

- Tornerai in Italia?
Ci tornerò a breve, ma solo in vacanza.
Non ho intenzione di vivere la mia vita mangiato dalle tasse o elemosinando per suonare dal vivo.

- Dimmi un po'; come è la risposta del pubblico messicano? In Italia abbiamo tanti "intenditori" pronti sempre a criticare qualsiasi cosa il mainstream (ma anche l'underground) gli ponga innanzi. In Messico invece?
Io sono privilegiato qui perché il Messico, come l'Italia, è amante dei forestieri. Quindi parto avvantaggiato, in quanto italiano.
Sono il maestro italiano, o il cantante italiano, o il produttore italiano. Se devono scegliere tra me e un messicano scelgono me per sentirsi dei vip.
Però...che ben venga! (ride)
Tutto il mondo è paese insomma...beh Tony, io ho finito qui. Grazie infinite per la bella chiacchierata (o forse dovrei dire chattata, visto che tu stai in Messico e io in Italia ehehe) e ti auguro tutto il bene possibile. Tieni alto il nome dell'Italia mi raccomando!
Prima di salutarci, vuoi dire qualcosa ai lettori di Steel Music?
Saluto tutti i lettori di Steel Music, sperando che questo momento di transizione per la musica porti finalmente la parola al pubblico nella maniera piu indipendente possibile...potere ad internet come negli 70 fu delle prime radio indipendenti, prima della globalizzazione e la "commercializzazione" dello spettacolo! Buona musica a tutti! Un abbraccio!!
http://www.facebook.com/TonyAmodioOfficialPage


Cliccate sulla foto a sinistra per accedere alla pagina iTunes su Tony ed acquistare i suoi lavori:
- Dejà Vu (album)
- II Me (album)
- Forever (singolo)
- Donde Estàs (EP)
- I miss you (singolo)
- Another World (DJ Shark feat. Tony Amodio) (singolo)
- Non rinchiudere i sogni (Simone Sfriso & Tony Amodio) (singolo)

martedì 29 maggio 2012

OLTRE: il primo libro di poesie di Roberto Romagnoli

E' uscito "Oltre": il primo libro di poesie scritto da me! E' scaricabile gratuitamente su BOORP,




Licenza Creative Commons

sabato 12 maggio 2012

Per tutti i fan dei REVOLUTION

Locandina del Telefilm COLUMNS
I REVOLUTION saranno all'interno della colonna sonora del telefilm COLUMNS, prossimamente in onda su Tele Europa Network.

Per l'occasione, è stata scritta una canzone tutta nuova. Il titolo e il testo verranno annunciati a breve.
Restate collegati sul nostro canale Youtube http://www.youtube.com/TeleRevolution se volete gustarvi quest'attesa con la giusta carica a suon di trailer e teaser.

Ebbene sì...per questa canzone è previsto anche un video! Se volete saperne di più seguiteci anche sulla nostra pagina ufficiale di Facebook http://www.facebook.com/revolutionofficial. A breve metteremo online anche il nostro nuovo sito.

Se invece volete seguire gli sviluppi di COLUMNS, cliccate sulla foto qui sopra per accedere alla loro pagina ufficiale su Facebook oppure cliccate qui per andare direttamente al canale Youtube del regista Gustavo Garrafa e vedere anche da lì tutti i teaser ufficiali e le interviste al cast.

STAY TUNED!

-Rob-