mercoledì 15 giugno 2016

Sperimentare, cambiare, confrontarsi coi fan.


Molte volte leggo e sento in giro commenti iracondi da parte di vecchi fan di una band (parlo in modo generico perché il discorso rigurada molte band), perché "si sono venduti", "hanno sentito l'odore dei soldi", "questo non è il loro genere, vuol dire che non vendevano abbastanza. Sono come tutti gli altri", etc..etc...
Ora, non mi metto ad analizzare caso per caso; sicuramente in alcuni contesti vale questo discorso, ma secondo me il più delle volte è un' esagerazione dei fan.


Mi spiego meglio: mettetevi un attimo nei panni di una band che, per anni, porta avanti un genere e lo propone in un modo. Passano gli anni...la band gira il mondo (o anche solo il proprio paese), conosce altri gruppi, altra gente, ascolta nuovi sound...i vari membri vengono influenzati da tutto ciò e iniziano a pensare la musica in modo diverso. Poi si ritrovano in studio, al momento di tirar fuori pezzi nuovi e decidono di sfruttare tutte queste nuove influenze e conoscenze per creare qualcosa di diverso.
Non necessariamente un genere "nuovo", anche soltanto la propria versione di un genere esistente. Anche se considerato "commerciale", comunque un qualcosa che la band in oggetto non aveva mai provato prima.

Ci sono cose che alcuni cosiddetti "fan" non capiscono. Non per stupidità, ma perché non vivono NELLA band, ma al di fuori e, soprattutto, perché non sono fan della band, ma di un genere in particolare.
Se sei fan di un gruppo di persone, le sostieni, indipendentemente dalle scelte. Puoi criticarli, ma costruttivamente, e poi continui a supportarli. Se sei fan di un genere, allora supporti solo quel genere e quando una band, che fino ad allora aveva portato avani quel genere proprio nel modo in cui piaceva a te, decide di sperimentare cose nuove, allora la disprezzi, dài la colpa ai soldi, e la abbandoni.

E solo quando succedono queste cose capisci CHI è veramente un sostenitore e chi, invece, ama solo il genere di musica che fai e quindi non è disposto ad aprire la mente ai tuoi cambiamenti.
Non sto dicendo che sia sbagliato abbandonare un gruppo nel momento in cui cambia genere e non piace più, ma credo fortemente che sia sbagliato giudicare puntando il dito, accanirsi contro chi "rimane fedele" sostenendo che "non capisce un cazzo" e porsi al di sopra degli altri come se si fosse gli unici portatori di conoscenza.

0 commenti:

Posta un commento

Aggiungi un commento.
Non inserire frasi a sfondo razzista o omofobo, insulti personali ad altri utenti, o qualsiasi cosa possa generare fastidio ad altre persone (come ad esempio ripetute bestemmie, imprecazioni, parolacce etc...)
I post che non rispettano queste regole verranno immediatamente cancellati