NUOVO SITO E NUOVA VESTE GRAFICA

IL 4G SULLA LUNA GRAZIE A NOKIA

Come ormai già sappiamo, le missioni Artemis, ovvero le prossime missioni lunari che vedranno coinvolto anche il nostro paese, non saranno più delle semplici missioni "toccata e fuga", ma avranno lo scopo di mettere le fondamenta per iniziare a costruire nell'immediato futuro i primi veri e propri avamposti lunari che, oltre a essere nuove basi di ricerca scientifica, serviranno da basi "di appoggio" per gli equipaggi in partenza per Marte. 
Non è escluso poi che, col passare del tempo, vengano costruiti anche avamposti per missioni private e commerciali, come già avviene sulla ISS. O magari avamposti turistici...a chi non piacerebbe pernottare in un bel resort sulla Luna?

Col passare del tempo quindi, nasceranno vere e proprie colonie lunari che, per mantenere una certa indipendenza e funzionalità, dovranno essere dotate di connettività, allo scopo di facilitare le connessioni e comunicazioni sia interne, che esterne verso la Terra, e verso Marte.

A tale scopo, Nokia (che è tra le più attive per la fornitura di infrastrutture per il 5G sulla Terra) è già in prima linea per realizzare il primo network 4G extraterrestre della storia e quindi ha già stipulato un accordo con la NASA. Saranno i Bell Laboratories, fondati da AT&T e controllati da Nokia, a costruire la più ambiziosa infrastruttura della storia delle telecomunicazioni, per la quale hanno già ricevuto un finanziamento di 14,1 milioni di dollari.

Il 4G lunare tornerà sicuramente utile agli astronauti, almeno in questa prima fase, durante le loro attività quotidiane. Potranno trasmettere velocemente informazioni sulla Terra e ricevere risposte altrettanto celeri, potranno controllare i rover direttamente dal posto, acquisendo in tempo reale lo streaming dei video acquisiti.

A differenza delle strutture per la comunicazioni mobili presenti sulla Terra, quelle lunari non saranno composte di grandi torri con antenne che consumano molta energia. Sarà bensì una rete formata da celle più contenute e dal funzionamento ottimizzato per consumare il meno possibile.

Inoltre, le antenne potranno essere upgradata e 5G mediante aggiornamento, nonappena possibile.

Commenti